Precedente "Il principio di Dilbert" ossia quel po' di meschinità in ognuno di noi Successivo "La congiura dei somari" di Roberto Burioni, cosa succede quando l'eco che alcuni hanno nel cervello rimbalza sui social

2 commenti su ““Uno psicologo nei lager” di Viktor E. Frankl dovremmo leggerlo tutti

  1. Gloria Piras il said:

    Bello! Mi ricorda tanti altri libri, anche sui gulag: Solgenitzin, Florenskij, Vasilj Grossman … Di recente ho letto “Quinto Comandamento” (sull’indipendenza del Congo) di V. M. Manfredi; sto finendo di leggere l’ultimo pubblicato da Vittorio Messori. Grazie della tua bella recensione e baci!

Lascia un commento