Crea sito

“Le donne erediteranno la terra” e la spartiranno con gli uomini

“Le donne erediteranno la terra” è un bel libro di Aldo Cazzullo giornalista (uomo) ma dotato di figlia femmina.

Il fiore di Artemisia contro la violenza sulle donne, “Le donne erediteranno la terra”

Cazzullo si interroga sulla possibilità che questo sia il secolo del sorpasso, in cui le donne otterranno davvero la parità con gli uomini e gli uomini si faranno carico delle attività fino a ieri considerate da “femmine”.

Possiamo lasciare attività importanti in mano ad una sola metà del mondo?

Perché venissero riconosciuti i diritti fondamentali delle donne ci sono volute due guerre mondiali

Sapevo che abbiamo avuto il diritto di voto nel 1946, dopo la seconda guerra mondiale. Non sapevo che

Fino al 1919 le nostre nonne o bisnonne non potevano vendere una casa di loro proprietà o comprare un trattore senza la firma del marito o del padre: una formidabile arma di controllo, Le donne erano ufficialmente cittadine di serie B. Non potevano stipulare contratti. La loro parola, il loro nome non valevano nulla.

Anche questo diritto fu conquistato dopo una guerra mondiale, mentre tanti padri e mariti erano in guerra le donne avevano mandato avanti il paese.

Il mondo è stato costruito dagli uomini per gli uomini, una classe dominante non cede e non spartisce il potere se non ne sente la necessità. Ovunque gli uomini hanno sempre tenuto le donne soggiogate finché hanno potuto. Ma perché?

Qui Aristofane si confessa: hanno paura che facciamo le cose meglio degli uomini!

Il primo uomo e la prima donna

Proviamo a risalire ad Adamo ed Eva, anche se pare che la prima fosse stata una certa Lilith ripudiata da Adamo perché non gli obbediva!

Secondo Franca Rame:

dinanzi alla scelta posta dal Signore tra la vita eterna e una vita di amore e conoscenza, Eva sceglie senza esitazione amore e conoscenza. E un Adamo al principio titubante si decide a seguirla.

Secondo Cazzullo l’alternativa sarebbe stata la noia che, concordo, è il peggiore dei mali!

Le donne che si battono e si sono battute per la libertà sono davvero tante. Non voglio nemmeno nominarle chiedo a voi di pensarci e provare a contarne almeno dieci. Fatto?

Travestirsi da uomo

Cazzullo porta tantissimi esempi di donne che si sono travestite da uomo per battersi per la libertà, per la patria.

Ne riporto solo una Antonia Masanello che era una dei mille di Garibaldi:

Antonia Masanello, Garibaldina … se non fosse ch’era donna

Perchè leggerlo

Cazzullo riporta tantissime storie di donne vere che sono andate avanti nonostante gli uomini o senza di essi, sarebbe l’ora che le donne cominciassero ad avanzare insieme agli uomini e grazie ad essi.

Chiudo con la citazione che è anche nell’ultima di copertina:

Le donne erediteranno la terra perché sono più attrezzate a cogliere le opportunità che abbiamo di fronte. Perché sanno amare e non perdono quasi mai la speranza

Buona lettura

Pubblicato da angelaserra

Sono un'ingegnera aerospaziale, appassionata di innovazione e sostenibilità. Sono esperta in tecniche di riduzione costi, come Action Work Out (AWO) e TRIZ (Teoria della soluzione inventiva dei problemi), mi occupo di Turbine a Gas da circa 6 anni. Amo lavorare in gruppo, condividere e fare rete con le persone!

2 Risposte a ““Le donne erediteranno la terra” e la spartiranno con gli uomini”

  1. Fino al 1975 le sposate prendevano il cognome del marito, che da solo deteneva la patria potestà, dovevano seguirlo dove lui stabiliva la residenza, non potevano andare all’estero se il marito non concedeva il permesso per il passaporto o il timbro apposito sulla carta d’identità … Purtroppo nella società e in famiglia l’educazione era quella della inferiorità della donna, che in piccola parte hanno conosciuto anche le generazioni più recenti.

    1. In USA ancora oggi le donne prendono il cognome del marito. Quello he credo è che la questione femminile dovrebbe essere trasversale, né di destra né di sinistra. La donne insieme, unite possono migliorare il mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *