“Quando eravamo femmine” e loro erano maschi il potere della diversità

“Quando eravamo femmine” consigliato da una mia cattolicissima amica, è una raccolta di lettere scritte da Costanza Miriano alle figlie, come guida al mondo. La lettura è leggera e scorre veloce e divertente.

Io non voglio consigli voglio complimenti

Così dice la figlia di Costanza, io credo che questa necessità di sentirci amate di noi donne nasca da lontano: da quando da piccolissime tutti non fanno altro che dirci che siamo principesse, ma forse anche la selezione naturale ha fatto sì che le donne in cerca di amore si riproducessero di più divulgando questo gene nella popolazione umana…

La forza delle donne

La donna potente è quella che non fa dipendere la propria felicità da un altro. Non voler cambiare l’altro è il primo passo.

Accontentarsi?

Non concordo invece con il consiglio di accontentarci. Se tutti si accontentassero di quello che sono o hanno l’umanità non progredirebbe. Credo invece che sia necessario migliorarsi continuamente e godere di ciò che abbiamo.

Sull’educazione dei figli

Sorvolo sulla parentesi religiosa, quello che mi trova al 100% d’accordo è il fatto che i figli imparano da più quello che facciamo che da quello che diciamo.

“Lead by example” ci dicono ai corsi di leadership e con i figli l’esercizio di leadership è continuo.

Noi insegniamo solo quello che siamo

Dedicarsi alla famiglia, agli amici porta grande gioia, soddisfazione e amore. A differenza di Costanza, credo che ognuno debba contribuire all’andamento della famiglia secondo le proprie possibilità. Credo quindi che dobbiamo condividere il più possibile queste attività “sociali” con i nostri uomini.

Perché leggerlo

Mi piace poter confrontare le mie opinioni con qualcuno che non la pensa del tutto come me. “Quando eravamo femmine” esorta alla “sorellanza“, alla diversità tra uomo e donna che è una ricchezza, alla necessità di ritagliarsi comunque del tempo per se stesse, le amiche, per il parrucchiere, la manicure o altre cose che sembrano inutili per gli uomini ma per noi…

non uscirei mai di casa struccata

(cit. Giada)

Kit minimo per uscire di casa la mattina – “Quando eravamo femmine”

Chiudo con una citazione:

una donna che chiede gli stessi diritti degli uomini manca di fantasia.[…] Voi dovete chiedere diritti diversi di quelli degli uomini, perché siete diverse, e potete dare un contributo diverso e imprescindibile alla società, anche fuori dalla famiglia, ma dovrete pretenderlo di farlo con i vostri modi e i vostri tempi.

Aspetto vostri commenti

buona lettura

Precedente "L'economia della ciambella": volete essere bruchi o farfalle? Successivo "Il problema del rinascimento" per me è capire come è potuto avvenire

2 commenti su ““Quando eravamo femmine” e loro erano maschi il potere della diversità

Lascia un commento