“Storie della buonanotte per bambine ribelli” le donne straordinarie esistono!

“Storie della buonanotte per bambine ribelli” l’ho letto già da un po’ di tempo, ma esitavo a proporlo nel mio blog, essendo un libro per bambini, alla fine ho deciso di pubblicare oggi la sua recensione, dato che domani 25 Novembre ricorre la giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne.

Le 100 donne

“Storie della buonanotte per bambine ribelli” è una bellissima collezione di storie di donne di ogni sorta che hanno fatto qualcosa di straordinario, tra i miei miti ho trovato: Margherita Hack, Rita Levi Montalcini, Ipazia.

Il libro è nato da un progetto di Timbuktu Lab.

Ma c’è anche un folto gruppo di donne eccezionali delle quali non sospettavo nenche l’esistenza!

Nellie Bly: giornalista investigativa che fece il giro del mondo in 72 giorni, alla faccia di Jules Verne che diceva:

Non ho mai scritto niente che non venisse dal cuore. Nè mai lo farò.

Wang Zhenyi, astronoma cinese che spiegò il funzionamento delle eclissi lunari nel 1700 e scriveva sull’importanza della parità tra uomini e donne:

Anche le figlie femmine possono essere eroiche

Ann Makosinski, inventrice canadese nata nel 1997 che ha inventato una torcia alimentata dal calore umano qui il suo Ted

Una ragazza davvero diversa!

Perché leggerlo

Da quando ho iniziato questo blog, gli articoli sulle donne sono in assoluto i meno visitati, non credo che questo sia dovuto al fatto che nella mia rete di conoscenze ci siano molti più uomini che donne. Credo che molti pensino che dopo il ’68 le donne possono lavorare fuori casa, divorziare ed abortire e quindi non hanno più niente di cui preoccuparsi o lamentarsi.

Purtroppo la realtà dei fatti ci mostra una situazione diversa:

Mi piacerebbe che almeno un uomo leggesse questo libro ai propri figli maschi, insegnandogli il rispetto per l’altra metà del cielo. Per un mondo migliore.

Buona Lettura!

Precedente "Homo deus" la cooperazione flessibile sarà ancora la chiave per affrontare il futuro? Successivo "SimonEthica" ovvero non giudicare un libro dalla copertina

Lascia un commento

*