“Bacia quel ranocchio!” ma devo proprio? La felicità passa attraverso la sofferenza?

Bacia quel ranocchio, di Brian & Christina Tracy, un libro del quale potevo fare a meno.

Baciare un ranocchio per essere felici, ma ne siamo proprio sicuri?

Ho scelto questo libro fidandomi del suggerimento di un collega, che l’ha definito geniale, indispensabile. Devo dire che l’ho finito solo perché erano 120 pagine scritte larghe. Ho sempre detestato questa fiaba della principessa e il ranocchio. La donna che si lamenta aspettando che un principe vada a sposarla non è l’immagine di donna che ho in mente io. Principessa 2.0, esci e vai a conquistare il tuo futuro! Lascia il ranocchio nella sua melma!

scena
La principessa Ginevra, guerriera in King Arthur

Cosa non mi è piaciuto

Gli autori partono dall’ipotesi che siamo infelici a causa di come siamo stati trattati dai nostri genitori. Poi mettono insieme una sequela di citazioni da vari libri, inclusa la bibbia:

Non giudicate, per non essere giudicati

(Matteo 7,1)

Ecco io non giudico, ma insomma…cerchiamo di mettere a frutto questa lettura e di vedere il lato positivo.

Cosa mi è piaciuto

Concordo con l’autore che:

Crei veramente il tuo mondo con l’approccio mentale che adotti e con la profondità delle tue convinzioni

La nostra mente è potentissima, possiamo realizzare quello che pensiamo, se davvero lo vogliamo. La felicità è uno stato mentale, siamo noi che possiamo dirigere la nostra mente sul lato positivo. Ammirare gli altri anziché invidiarli. Ammiro gli autori di “Bacia quel ranocchio” perché hanno scritto un libro, piacerebbe anche a me riuscirci. Anche leggere le citazioni è stato interessante.

Alla fine il consiglio è sempre il solito che ci dava Jovanotti: pensa positivo e crea il modo che vuoi abitare.

Perché leggerlo

Se hai tempo libero… Bacia quel ranocchio e…

Buona lettura!

 

Precedente "L'energia pulita" di Pietro Menna, il futuro dell'energia con le rinnovabili Successivo "Margherita Hack" Autobiografia di una delle più grandi scienziate italiane.

Lascia un commento