“Vietato lamentarsi” chi vuol esser lieto sia…

“Vietato lamentarsi” è un altro libro che ho comprato per la copertina e che non mi ha deluso.

Le tre C alla base della competenza

Le tre C

Secondo Salvo Noè il trucco per smettere di lamentarsi è lavorare sulle proprie competenze, fatte di conoscenza, capacità e comportamento. Possiamo migliorare ognuno di questi elementi.

Da chi è creata la crisi

Vietato lamentarsi della crisi. Secondo Salvo Noè uno dei motivi alla base della crisi è la mancanza di valori. Non solo spesso seguiamo modelli negativi portatori di disvalori. I “furbetti del quartierino” per capirsi, sono spesso considerati modelli da imitare.

Ci sentiamo impotenti di fronte a chi si fa strada in modo disonesto, ma anche il lavoratore più umile se fa bene il proprio lavoro dona ricchezza alla comunità. Adoro l’invito a riportare al centro il bene comune e alla preservazione della bellezza come antidoto al male.

Mi fa davveromale leggere che tra i dipendenti pubblici Noè ha trovato la più alta percentuale di “lamentini”, di persone demotivate che non si preoccupano di lasciare un mondo migliore di quello che hanno lasciato. Spero che tra voi lettori ci saranno tanti a smentirlo.

In realtà anche in Italia se vogliamo possiamo cambiare le cose. Non lo sapevo, ma la nostra legge contro il fumo è una delle più rispettate e questo grazie al controllo sociale che tutti noi esercitano. Non potremmo fare lo stesso contro i fannulloni, gli inquinatori e gli evasori?

Egotismo

Quasi in ogni libro scopro una parola nuova. Egotismo “culto di sé … compiacimento narcisistico e raffinato della propria persona e delle proprie qualità.”

Lungo tutto il libro si trovano esercizi, pause di riflessione, utili per chiarire le proprie aspirazioni e cosa ci frena dal raggiungerla.

Storie impossibili

“Vietato lamentarsi” a un certo punto porta degli esempi fantascientifici su come dovrebbero comunicare genitori e figli per essere produttivi.La madre che consiglia al figlio di rileggere più attentamente il problema, mentre il figlio dichiara di essere stato molto attento in classe e altri esempi analoghi. In realtà io ritengo che un sano conflitto in casa faccia bene, che ci.si possa anche appassionare quando si difendono le proprie idee o credenze.

Mi piace invece l’invito a pensare positivo, o gni cosa che pensi si avvera.

Le 4 D

Desiderio, decisione, disciplina e determinazione.Questi gli ingredienti per sviluppare le proprie competenze.

Essere ottimisti, avere fiducia in se stessi e negli altri, mostrare entusiasmo:

Quando sei entusiasmato dal successo di un’altra persona significa che sei sulla buona strada per ottenere il tuo

Farsi le domande giuste aiuta a risolvere i propri problemi non chiedersi perché siamo in una certa situazione, ma chiedersi come possiamo uscirne, cosa possiamo fare per risolverla.

Ascoltare per capire e non per rispondere

Usare parole positive per descrivere le situazioni. Un po’ come il bicchiere mezzo pieno e mezzo vuoto.

Premiamoci per i risultati che otteniamo.

Premiarsi ogni tanto migliora l’autostima. “Vietato lamentarsi “

Ognuno nel suo vero essere realizza la sua diversità, il suo essere unico. Focalizziamoci sui nostri aspetti positivi.

Se hai tempo per lamentarti, hai tempo per cambiare ciò di cui ti lamenti.

Anthony J. D’Angelo

La fortuna si manifesta quando le competenze incontrano un’opportunità. Anche l’innovazione nasce dalla conoscenza. L’accrescimento delle competenze é il primo passo verso la felicità?

Io ci sto provando e voi?

Buona lettura

Precedente "Il lavoro e l'ideale" la ricerca della bellezza nell'esecuzione Successivo "La fine della ragione" affidarsi alla scienza o al popolo?

Lascia un commento

*