“La maternità è un master” essere leader e genitore é possibile?

“La maternità è un master” che rende più forti uomini e donne? Questa almeno è la teoria degli autori Andrea Vitullo e Riccarda Zezza. La teoria prende le mosse da una ricerca del 2006 del Wellesley center of women in cui tante donne

Sono state sufficientemente sicure del loro ruolo da ldescrivere la leadership usando proprio un linguaggio derivato dalla loro esperienza di vita come donne. Molte tra quelle con alti livelli di leadership si sono rivelate abbastanza a loro agio da portare al lavoro un’idea univoca di se stesse come donne e come leader

Gestire la crescita di un figlio con esigenze che cambiano ogni tre mesi può essere complicato quanto gestire l’evoluzione di un’azienda che ogni trimestre si confronta con un mercato in continua evoluzione. La genitorialità è un’opportunità di esercitare in pratica le lezioni di leadership apprese al lavoro e viceversa, ma:

Non tutti i genitori acquisiscono automaticamente competenze manageriali nel crescere i propri figli, così come si può essere perfetti leader naturali anche facendo pratica attraverso attività di cura di tutt’altro tipo, come il volontariato, la cura dei propri genitori o dei propri nipotini.

La genitorialità insomma vista come un corso intensivo di leadership!

Insegnare ai miei figli a lanciare le trottoleè stato un esercizio di leadership almeno per me! “La maternità è un master”

Non è un mondo per donne?

Un passo molto interessante di “La maternità è un master” riguarda la diversa attitudine di uomini e donne di affrontare lo stress, fin dalla preistoria:

In una situazione di pericolo l’uomo normalmente reagisce attaccando o scappando.[…] alle donne viene raramente voglia di scappare e quasi mai di attaccare. […]le donne reagiscono allo stress in maniera ben diversa degli uomini: “hanno cura” e “creano alleanze”

Nelle donne l’attività di cura degli altri abbassa i livelli di stress. Questa diversa attitudine è frutto di migliaia di anni di evoluzione della specie umana. Il mondo del lavoro è stato progettato per gli uomini. Le donne non c’erano quando sono stati disegnati sistemi di crescita come le “job rotation” in cui spesso sono gli uomini a girare il mondo, spesso con una donna al seguito che perde il lavoro senza ricollocarsi.

Le donne hanno meno network informali cui appoggiarsi.[…] gli uomini fanno clan e lobby da secoli, tendono a federare quelli simili a loro, a diventarne mentori per poi promuoverli. É tra quelli più simili a loro che cercano, quando ne sono capaci, una linea di successione. Spesso a discapito del merito.

Maestra di sentimenti e alleanze

Le abilità delle donne sono davvero tante:

  • dire di no
  • ascoltare, essere empatiche
  • delegare
  • fare gruppo
  • lavorare con quello che c’è sviluppando le potenzialità dei collaboratori
  • trasformare gli errori in opportunità

Certamente non tutte le madri o i leader hanno queste caratteristiche, ma queste sono le caratteristiche che un buon leader e un buon genitore dovrebbero avere.

Secondo Erik H. Erikson il massimo stadio di leadership è  la generatività ossia l’interesse a fondare e guidare la generazione successiva. In questo senso la maternità è un’opportunità unica. La stessa opportunità possono averla gli uomini che decidono di occuparsi della crescita dei figli!

Perché leggerlo

La maternità è un master” mi ha fatto ripensare ai miei due master in maternità, ma anche a quando, in parrocchia, ero educatrice di un gruppetto di adolescenti. Ecco, secondo me il prendersi cura di giovani che non sono tuoi figli è un esercizio di leadership migliore. Non so voi, ma con i figli io sono meno lucida: la paura di sbagliare, la rabbia di vederli sbagliare e la responsabilità della loro educazione, che la società getta totalmente sui genitori, fanno si che questi master non siano così efficaci. Viceversa quando ti occupi dei figli degli altri non ti senti addosso la responsabilità della loro educazione beh almeno per me è stata un’esperienza davvero di crescita.

 

È voi che ne pensate?

Buona lettura

Precedente "Come pensano gli ingegneri" siamo davvero degli sfigati? Successivo "I robot e noi" la rivoluzione industriale 4.0 spiegata a tutti.

Lascia un commento

*